News

Gigantomastia: una guida completa

Che cos’è la gigantomastia?

La gigantomastia è una condizione caratterizzata da un ingrandimento eccessivo delle mammelle, che può avere un impatto significativo sulla salute fisica e mentale delle persone che ne sono affette.
Questa condizione va oltre il semplice sviluppo di seni grandi ed è spesso accompagnata da sintomi dolorosi e scomodi.
Può verificarsi in modo bilaterale (interessando entrambe le mammelle) o in modo unilaterale (interessando una sola mammella).

Quali sono le cause della gigantomastia?

Le cause della gigantomastia possono essere varie e includono fattori genetici, squilibri ormonali, aumento di peso, dopo un parto o persino alcune condizioni mediche.
Questa condizione può manifestarsi in diverse fasi della vita di una persona.

Quali sono i sintomi della gigantomastia?

La gigantomastia si manifesta attraverso un ingrossamento eccessivo delle mammelle, che può variare in termini di dimensioni e forma.
Alcune caratteristiche comuni di questo tipo di mammella sono:

Dimensioni eccessive.
Le mammelle sono notevolmente più grandi rispetto alle proporzioni del corpo della persona, con un aumento di volume che può essere significativo.

Peso aggiuntivo.
A causa delle dimensioni eccessive, le mammelle possono diventare pesanti, creando una serie di problemi fisici, tra cui dolore alla schiena, al collo e alle spalle.

Forma e sospensione.
La forma delle mammelle può variare, ma spesso sono caratterizzate da un’eccessiva caduta (ptosi) a causa del peso. Possono anche avere una forma distorta.

Pelle tesa e striae.
La pelle che copre le mammelle può diventare tesa e può sviluppare delle strie a causa della rapida crescita eccessiva del tessuto mammario.

Irritazioni cutanee.
La pelle sotto il seno può essere suscettibile di irritazioni cutanee, soprattutto in caso di sfregamenti continui a causa delle dimensioni eccessive delle mammelle.

Quando è necessario l’intervento di gigantomastia?
L’intervento di gigantomastia diventa necessario quando le dimensioni delle mammelle causano disagio fisico, dolore cronico alla schiena e al collo, problemi posturali, o impattano negativamente sulla qualità della vita.
La decisione di sottoporsi a un intervento è personale e dovrebbe essere presa attentamente.

Come si esegue l’intervento di gigantomastia?

Per trattare la gigantomastia, spesso è necessaria una mastoplastica riduttiva.
Una tecnica comunemente utilizzata è quella di Pitanguy e Ribeiro.
Questo approccio mira a ridurre le dimensioni e a rimodellare le mammelle per ottenere un risultato esteticamente gradevole, risolvendo anche il problema funzionale.
Nei casi in cui non si riesca a mantenere la vascolarizzazione dell’areola si esegue la tecnica di Torek in cui il complesso areola capezzolo viene staccano e reinnestato. Dal punto di vista estetico questa tecnica non ha variazioni rispetto alla prima, ma si perde la sensibilità del capezzolo e eventualmente non si può più allattare.

Le cicatrici dell’intervento di gigantomastia sono visibili?
Le cicatrici sono inevitabili in interventi di questo tipo, ma un chirurgo esperto cerca di minimizzarne l’aspetto. Nella mastoplastica riduttiva, le cicatrici solitamente hanno una forma di T.

Com’è il decorso post operatorio di un intervento di gigantomastia?
Il periodo post-operatorio varia da persona a persona, ma in genere, richiede un periodo di recupero durante il quale è essenziale seguire le indicazioni del chirurgo. Generalmente servono 15 giorni di riposo assoluto e altri 15 giorni di cautela. Non è possibile in questo periodo di tempo prendere pesi, alzare le braccia o fare movimenti bruschi. Saranno prescritti farmaci per gestire il dolore e possono essere necessarie attività limitate per un certo periodo.

Quali sono i risvolti psicologici della gigantomastia?
La gigantomastia può avere un impatto significativo sulla salute mentale e sull’autostima delle persone. L’intervento non solo affronta i sintomi fisici ma può anche contribuire a migliorare il benessere psicologico, favorendo una migliore percezione di sé.

In conclusione, la decisione di sottoporsi a un intervento di gigantomastia è complessa e richiede una valutazione attenta. Consultare un chirurgo esperto è fondamentale per comprendere appieno le opzioni disponibili e i risultati attesi.

Related Posts